INFORMATION
   
    giardino project, a cura di Giuseppe Amedeo Arnesano, è un luogo domestico del verde dedicato al confronto critico e politico nelle pratiche artistiche e curatoriali contemporanee. Un recinto urbano dove artisti e curatori si alterneranno come ospiti di una residenza estiva di tre giorni. 
Talk, site-specific e operazioni editoriali sono azione e strumento di un processo di indagine dedicato alle dinamiche culturali e alle arti visive, ripensate in una visione periferica e di provincia come quella di un paese del Sud d’Italia.


BIBLIOGRAFIA


ARCHIVIO



CONTACTS


MOOD GRAFICO E FOTOGRAFIA- Grazia Amelia Bellitta


PARTNERS


LIKE IN A NEW MICROCOSM







Didascalie

1.  Hieronymus Bosch, dettaglio Il giardino delle delizie, 1490-1500, olio su tavola, Trittico cm 220 X 195. Madrid, Museo del Prado

2.  L'unicorno è curato e tenuto in cattività, arazzo, Metropolitan Museum of Art in New York 1495- 1505

3.  Beato Angelico, Annunciazione, 1425 – 1426, affresco, 230 x 321 cm. Firenze, Convento di San Marco

4. Giardino di Bololi, Perseo, isolotto, Firenze, XVI e il XIX secolo

5. Luigi Vanvitelli, veduta della Reggia di Caserta, 1750


 


Nell’immaginario comune il giardino rappresenta per l’uomo un’esigenza, uno spazio fisico e mentale dove svolgere molteplici attività legate non solo a un interesse produttivo della terra, ma anche a quello topiario, botanico, paesaggistico, medico, architettonico, contemplativo, mistico, artificiale, filosofico, evasivo, estetico e artistico. Nel suo insieme il giardino è un microcosmo complesso carico di significati simbolici, magici, culturali e religiosi.